Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2016

Recupero time: Sicario

Immagine
Prima di avventurarmi in un maggiore "studio" delle componenti che costruiscono la parola "cinema", e quindi con un occhio decisamente più generale, credevo che un genere abbastanza semplice da imbroccare fosse il thriller. Perchè un film romantico è facilmente monotono e banale, come anche l'horror, lo storico e la commedia, ma di thriller ne esistono un numero infinito di tipologie e sfumature diverse che lo rendono speciale, più ricco o più semplice, quasi sempre piacevolmente movimentato, dotato di un climax ascendente più corposo o più delicato, ma difficilmente mi sarei immaginata che ci fossero anche thriller che proprio non hanno raggiunto il loro obiettivo.

Kate, agente dell'FBI, dopo una macabra scoperta, viene arruolata per una missione in Messico riguardante il cartello messicano della droga e per stanare i responsabili dell'uccisione di alcuni suoi colleghi. Sarà l'inizio di vari tentativi di mantenere sotto controllo una situazione ap…

Steve Jobs

Immagine
Con un sospiro di sollievo si va verso la fine di questa sessione invernale di esami che mi sta uccidendo molto lentamente, e andando avanti ci si avvicina anche alla notte degli Oscar, per la quale sto provando a prepararmi con tutte le forze recuperando o correndo al cinema a vedere i maggiori nominati. La sfida del momento è proprio far combaciare gli impegni universitari con questo evento annuale che, un po' anche senza grandi motivazioni, ci tiene sulle spine.
La storia del leggendario uomo che ha cambiato la concezione del computer e ha ampiamente aiutato a cambiare la nostra vita quotidiana si spalma su tre momenti della sua vita, ovvero le tre principali presentazioni dei dispositivi che hanno tirato le linee della sua carriera. Tra problemi dell'ultimo momento e quelli personali, Steve si svela un po' di più al pubblico.

Parto col dire immediatamente che se al mondo ci fossero più biografie come questa, sarebbe un mondo migliore. Qui ormai dire semplicemente che …

The Revenant - Redivivo

Immagine
Nel primo ventennio del diciannovesimo secolo gli uomini, di diverse nazionalità, esploravano le terre dell'America ancora sconosciuta per predominare l'uno sull'altro. Glass è l'uomo che più di tutti conosce quelle terre sconosciute e inospitali e senza di lui la strada per l'accampamento sarebbe molto pericolosa. Glass, il cui unico obiettivo era tenere in salvo il figlio indiano, mentre una notte si avventura nel bosco per cacciare, viene attaccato da un orso e ridotto in fin di vita. I compagni decidono di contiuare il cammino da soli lasciando al suo fianco tre uomini, tra cui suo figlio, per accudirlo nelle sue ultime ore di vita, ma le cose non andranno secondo i loro piani.

Non mi accade spesso, anzi quasi mai, di avere un'idea di come potrebbe essere un film prima di vederlo. Si, guardo i trailer, ma non mi fermo mai più di tanto a pensarci, li guardo e basta. Anche perchè il brutto di avere delle aspettative è che al 90% il film poi te le distrugge, …

Recupero time: Quando c'era Marnie

Immagine
Sono davvero molto infastidita dalle nominations agli Oscar. A parte il fatto che non sia stato preso in considerazione nemmeno un film italiano per la categoria stranieri, e a parte il fatto che Tarantino non abbia nemmeno una nomina degna di nota, mi infastidisce moltissimo il fatto che ci siano, come anche l'anno scorso, nominati per il miglior film d'animazione un film firmato Disney e uno firmato Studio Ghibli.
Ma non è il fatto in sè che mi infastidisce, parliamo della trama e poi mi spiego meglio.

Anna è una bambina orfana affetta da asma che vive con la sua zia in città. Quando le sue condizioni iniziano a peggiorare vistosamente, la zia le propone di andare per qualche tempo fuori città, per guarire grazie alla buona aria del mare.
Anna quindi viene ospitata da due suoi zii alla lontana, in Hokkaido, in un villaggio marittimo, dove però non riesce a legare con nessuno dato il suo carattere indipendente e scontroso.
Un giorno, nei pressi di una maestosa villa che la i…

Sherlock - L'abominevole sposa

Immagine
Ci stanno facendo penare questa quarta stagione, e solamente i fan della serie sanno quanto.  A dire la verità io l'ho recuperata un po' in ritardo, esattamente iniziai a vedere la prima e la seconda stagione durante l'uscita della terza, e si parla già di quasi due anni fa. Mi stava piacendo moltissimo, anche perchè al suo interno c'erano due degli attori che non mi stanco mai di veder recitare, ma la cosa che mi spaventava era questo lungo lasso di tempo che sapevo sarebbe trascorso dalla fine della terza fino all'inizio della quarta. Solitamente i tempi morti sono la morte stessa delle serie tv, ma a quanto pare non vale per Sherlock.
Sherlock Holmes ed il Dottor Watson si trovano davanti ad un nuovo caso su cui indagare; pare che una donna si sia uccisa in pubblico e, dopo di che, abbia iniziato a vagare per Londra facendo vittime e perseguitando le persone.

No, non è l'inizio della quarta stagione, nemmeno lontanamente dato che pare che dovremmo aspettare…

Recupero time: The Lobster

Immagine
Non sono molto esperta del cinema greco. Penso di non aver mai visto film greci se non questo, e se mai ne ho visto uno non ero al corrente del fatto che fosse greco. Questo un po' mi destabilizza perchè ti ritrovi spaesato. Parli di film americani, e sai cosa aspettarti, parli di film inglesi, e sai cosa aspettarti, parli di film italiani e, la maggior parte delle volte, purtroppo, sai cosa aspettarti, ma quando sento parlare di cinema greco mi si apre il vuoto nella mente. "Empty folder".
The Lobster era uno dei film che mi sono ripromessa di recuperare per primi perchè mi ha incuriosita col passare del tempo, e mi era anche sfuggito per la poca reperibilità nei cinema, ma gennaio serve anche a quello, no? Uno dei migliori auguri che si possa fare ad un cinefilo per inizio anno è: che tu riesca a recuperare più film possibile...maledette multisale!

In un universo dispotico ed ordinato, essere single fino ad una certa età è addirittura vietato, pena la reclusione in un …

John Wick

Immagine
John è un ex sicario che ha lasciato il proprio mestiere per amore. Adesso, la sua compagna è morta a causa di una malattia e, per dargli coraggio, gli ha regalato un cane per spronarlo ad andare avanti.
Una sera, mentre fa benzina, si avvicina un ragazzo insieme al suo gruppo e, interessato alla sua macchina d'epoca, gli propone di comprarla. John non accetta e quella stessa notte il gruppo di ragazzi fa irruzione in casa sua, uccidendo il suo cane e romando la macchina. John tornerà quindi in pista, e farà di tutto per avere la sua vendetta.

Tutti abbiamo bisogno di divertirci, di svago per staccarci un po' dagli avvenimenti quotidiani un po' dalle pellicole più impegnative. Naturalmente ognuno di noi si diverte in modo diverso ed ha diverse esigenze.
John Wick non mi ispirava, non mi ha ispirata fino all'ultimo. Mi sono lasciata convincere più che altro dai commenti positivi sentiti in giro, ed erano davvero molti. Perciò, sperando di vedere qualcosa di veramente t…

Peggio/delusioni del 2015

Immagine
Il 2015 ha donato molte emozioni e molti bei film, si è concluso meglio di quello che mi sarei aspettata. Però come ogni anno vengono fuori delle schifezze inimmaginabili o, nel mio caso, una maggioranza di film su cui puntavo un po' di più e che si sono rivelati davvero pessimi. Niente numero tondo quest'anno, sono 8 le mie schifezze preferite.
8. John Wick (recensione prossimamente) Il meno peggio, questo film non è penoso, più che altro mi ha un po' lasciata sbalordita la quantità di gente che me lo ha descritto come bel film d'azione quando poi a me è sembrato il solito minestrone di banale azione visto e rivisto.  Mi ero fidata del giudizio delle persone e mi aspettavo quindi una tamarrata assurda, mentre invece si, volano cazzotti qua e la, ma non ho visto nulla di eccezionale. Certo, va bene per una serata poco impegnativa, ma ci sono molti altri film più o meno dello stesso calibro che offrono qualcosa in più.
7. Tomorrowland Una delle più grandi porcherie che…

Il piccolo principe

Immagine
Leggere mi piace davvero tanto, ma detesto nel più totale dei modi dover leggere un libro impostomi da terzi. Io leggo un libro perchè mi piace lo scrittore, perchè mi ispira la trama o per altri pochi motivi. Durante gli anni di scuola, soprattutto i primi, ho sentito spesso parlare de "Il piccolo principe", purtroppo non lo abbiamo mai trattato approfonditamente a scuola, preferendo altri soggetti magari anche meno utili, ma nonostante questo l'immagine che avevo di questo libro era distorta, perchè non lo conoscevo, non lo conosco tutt'ora.
Continuo a non conoscere questo libro perchè, col passare degli anni, non mi è mai interessato più di tanto iniziare a scoprirlo, proprio per il ricordo che avevo di quando ero più piccola, era uno dei tanti libri classici che non prendi erroneamente in considerazione.
Questo potrebbe essere un ottimo punto di partenza, per me e tante altre persone, di avvicinarsi ad un grande classico e ad un grande capolavoro della letteratu…

Quo vado?

Immagine
Quando arriva il periodo natalizio mi prende sempre un'enorme paura: la combinazione famiglia + cinepanettone, che sotto Natale è sempre rischiosissima, lì al varco che ti aspetta impreparato.  Già il 25, girovagando per le strade di Torino, ero riuscita a scampare dal terribile film dei due cretini che di vedono sempre adesso in giro, e sono riuscita ad attirare l'attenzine dei miei su Irrational Man.  Purtroppo però, il primo dell'anno non ce l'ho fatta, e la sorpresa me l'hanno fatta i miei, trascinandomi davanti al cinema parrocchiale (?) del mio piccolo paese a vedere l'ultimo film di Zalone (?, La coerenza della programmazione delle parrocchie, vabè). Vecchi e bambini everywhere, i brividi, ma almeno ho pensato che non avrei sentito assolutamente nulla di un film che a prima vista pareva orripilante. 
Checco, che per tutta la vita ha sempre e solo sognato di raggiungere e tenersi ben stretto il suo posto fisso, viene messo alle strette e, rifiutando una …

Classifica 2015 - Top 10

Immagine
Devo dire che è stata una scelta molto combattuta. Il 2015 non ha dato moltissimi film eccellenti, ma una decina o giù di lì sono veramente memorabili e alcuni sono già passati alla storia.
Pochi ma buoni, potremmo definire i film di quest'anno. Perciò, avendo circa una quindicina di film tra cui sceglierne dieci per la top 10 è stata dura, ma alla fine penso di aver fatto un lavoro coerente con i miei gusti.

Ci tengo a specificare che ho preso in considerazione film usciti nel 2015 in Italia, e non nello stato di appartenenza. Per questo motivo ci sono titoli presenti agli Oscar dell'anno scorso, film usciti da noi nei primi mesi del 2015, e che non avevo infatti messo nella classifica del 2014.

10) Irrational Man


Capisco che non sia un capolavoro di Allen, ma c'è stato qualcosa che in tutti gli altri film non ho provato; un enorme senso di spaesamento, come se fossi entrata in un mondo impossibile durante la visione. Thriller atipico che si merita da parte mia un po' …

Il ponte delle spie

Immagine
Io non amo molto i film evento. Nel senso che i capolavori preannunciati sono quella fetta un po' sporca del cinema, e francamente, guardando anche com'è andata con un film dello spessore del settimo episodio di Star Wars, non è nemmeno una buona idea. Qui, esattamente come nel caso di sopra, c'era un grande nome, ma anziché essere quello di un'enorme azienda, è quello di Steven Spielberg. Tra le due cose non esiste paragone di alcun tipo se non che per entrambe io ho sentito una grande attesa, uscendo poi lo stesso giorno in Italia.  Grandi aspettative da entrambi. Star Wars mi ha più deluso che entusiasmato, e per quanto non adori i film storici non posso dire lo stesso per Il ponte delle spie.
Nel 1957 Rudolf Abel, pittore, viene arrestato con l'accusa di essere una spia sovietica. La democrazia impone che venga processato, nonostante la minaccia che egli costituisce in un periodo di Guerra Fredda, per ribadire i principi costituzionali americani.  La scelta de…