I vincitori dei Golden Globe 2018

Piano piano arrivo anche io a dire la mia sulla prima notte delle premiazioni cinematografiche. 
Più si va avanti con gli anni e più penso che queste premiazioni siano divertenti fino ad un certo punto. Certo, sarebbe più interessante seguirle avendo visto tutti i film/serie tv candidati, ma ormai a questo ci sto facendo il callo. Certo invece è che ogni anno mi pare siano sempre più politicamente corretti, e se una volta li guardavo passandoci sopra, oggi non riesco più, mi viene l'orticaria.
Quest'anno il fattaccio Weinstein ha condizionato (e condizionerà) non poco le premiazioni, e non è mia intenzione scrivere un post su quello che penso in merito, perché non cambierebbe le cose e non fregherebbe a nessuno. Il punto è che sì, ovviamente il cinema viene intaccato dai fatti del mondo, solamente in parte riesce ad essere una bolla a sé stante, ma nel mio mondo utopico i fatti del mondo dovrebbero coinvolgere fino ad un certo punto il cinema, lasciando da parte le premiazioni, che diventano solamente un'accozzaglia di gesti buonisti e preventivati. Insomma, per una cosa o per un'altra non vincono mai le persone che se lo meriterebbero veramente e, in un certo senso, chissene frega.


Quest'anno ai Golden Globe ha trionfato Tre manifesti a Ebbing, Missouri, in uscita dopodomani nelle sale italiane, forse l'unico premio veramente meritato insieme a quello alla regia, andato a del Toro per The Shape of Water
Per il resto inaspettatamente Lady Bird ha vinto su I, Tonya, che pareva aver vinto già in partenza, e con lui anche la protagonista, la dolce Saoirse Ronan. Per l'animazione, manco a dirlo, Coco, di cui vi parlerò probabilmente domani. 
Piccola nota per James Franco incredibile nel suo The Disaster Artist che si è veramente meritato la vittoria, con un simpatico momento sul palco in compagnia del fratellino e di Tommy Wiseau.
Per le serie vince The Handmaid's Tale (che guardacaso parla di violenza sulle donne) con miglior attrice la bravissima Elisabeth Moss, e per le miniserie quattro meritatissimi premi sono andati a Big Little Lies (che indovinate un po' di cosa parla?).
Sono sinceramente contenta per la vittoria di McGregor per Fargo, anche se forse avrei preferito veder vincere in coppia anche David Thewlis, battuto da un non altrettanto bravo Alexander Skarsgard.
Voi tutti contenti? Io così così, aspettiamo il 4 marzo per vedere l'Academy cosa combina.

Cinema


Miglior film drammatico
Call Me by Your Name
Dunkirk
The Post
La forma dell’acqua – The Shape of Water
Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Miglior film comico/musicale
The Disaster Artist
Get Out
The Greatest Showman
I, Tonya
Lady Bird
Miglior attore in film drammatico:
Timothée Chalamet, Call Me by Your Name
Daniel Day-Lewis, Phantom Thread
Tom Hanks, The Post
Gary Oldman, L’ora più buia
Denzel Washington, Roman J. Israel, Esq.
Miglior attrice in un film drammatico
Jessica Chastain, Molly’s Game
Sally Hawkins, La forma dell’acqua – The Shape of Water
Frances McDormand, Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Meryl Streep, The Post
Michelle Williams, Tutti i soldi del mondo
Miglior attore in un film comico-musical:
Steve Carell, La battaglia dei sessi
Ansel Elgort, Baby Driver
James Franco, The Disaster Artist
Hugh Jackman, The Greatest Showman
Daniel Kaluuya, Get Out
Miglior attrice in un film comico-musical: 
Judi Dench, Victoria & Abdul
Helen Mirren, Ella & John – The Leisure Seeker
Margot Robbie, I, Tonya
Saoirse Ronan, Lady Bird
Emma Stone, La battaglie dei sessi
Miglior attore non protagonista in un film:Willem Dafoe, The Florida Project
Armie Hammer, Call Me by Your Name
Richard Jenkins, La forma dell’acqua – The Shape of Water
Christopher Plummer, Tutti i soldi del mondo
Sam Rockwell, Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Migliore attrice non protagonista in un film:Mary J. Blige, Mudbound
Hong Chau, Downsizing
Allison Janney, I, Tonya
Laurie Metcalf, Lady Bird
Octavia Spencer, La forma dell’acqua – The Shape of Water
Miglior film animatoBaby Boss
The Breadwinner
Coco
Ferdinand
Loving Vincent
Miglior regia di un film
Guillermo del Toro, La forma dell’acqua – The Shape of Water
Martin McDonagh, Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Christopher Nolan, Dunkirk
Ridley Scott, Tutti i soldi del mondo
Steven Spielberg, The Post
Miglior sceneggiatura
Guillermo Del Toro, Vanessa Taylor, La forma dell’acqua – The Shape of Water
Greta Gerwig, Lady Bird
Liz Hannah, Josh Singer, The Post
Martin McDonagh, Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Aaron Sorkin, Molly’s Game
Miglior film stranieroUna donna fantastica (Spagna)
Per primo hanno ucciso mio padre (Cambogia)
Oltre la notte (Germania)
Loveless (Russia)
The Square (Svezia)
Serie tv


Miglior serie drammatica
The Crown
Game of Thrones
The Handmaid’s Tale
Stranger Things
This is Us
Miglior serie comica
Black-ish
The Marvelous Mrs. Maisel
Master of None
Smilf
Will & Grace
Miglior attore in una serie drammaticaJason Bateman, Ozark
Sterling K. Brown, This is Us
Freddie Highmore, The Good Doctor
Bob Odenkirk, Better Call Saul
Liev Schreiber, Ray Donovan
Miglior attrice in una serie drammatica:
Caitriona Balfe, Outlander
Claire Foy, The Crown
Maggie Gyllenhaal, The Deuce
Katherine Langford, Tredici
Elisabeth Moss, The Handmaid’s Tale
Miglior attore in una serie comica
Anthony Anderson, Black-ish
Aziz Ansari, Master of None
Kevin Bacon, I Love Dick
William H. Macy, Shameless
Eric McCormack, Will & Grace
Migliore attrice in una serie comica
Pamela Adlon, Better Things
Alison Brie, Glow
Rachel Brosnahan, The Marvelous Mrs. Maisel
Issa Rae, Insecure
Frankie Shaw, SMILF
Miglior miniserie o film tv
Big Little Lies
Fargo
Feud: Bette and Joan
The Sinner
Top of the Lake: China Girl
Miglior attore in miniserie o film tv
Robert De Niro, The Wizard of Lies
Jude Law, The Young Pope
Kyle MacLachlan, Twin Peaks
Ewan McGregor, Fargo
Geoffrey Rush, Genius
Miglior attrice in miniserie o serie tvJessica Biel, The Sinner
Nicole Kidman, Big Little Lies
Jessica Lange, Feud: Bette and Joan
Susan Sarandon, Feud: Bette and Joan
Reese Witherspoon, Big Little Lies
Miglior attore non protagonista in serie, miniserie o film tvDavid Harbour, Stranger Things
Alfred Molina, Feud
Christian Slater, Mr. Robot
Alexander Skarsgard, Big Little Lies
David Thewlis, Fargo
Miglior attrice non protagonista in serie, miniserie o film tv
Laura Dern, Big Little Lies
Ann Dowd, The Handmaid’s Tale
Chrissy Metz, This is Us
Michelle Pfeiffer, The Wizard of Lies
Shailene Woodley, Big Little Lies

Commenti

  1. E' verissimo che la politica e la cronaca condizionano i premi del cinema, è sempre stato così... ed è normale che sia così: io mi tengo tutte le registrazioni delle notti degli oscar ormai da tanto tempo, e non solo per collezione ma proprio per documentare come cambia il mondo. Queste cerimonie sono, nel bene e nel male, uno specchio dell'America e dei nostri tempi. Come dico spesso, gli Oscar (e i Globes) sono un po' come il Festival di Sanremo da noi: li guardiamo non tanto per il loro "contenuto" (spesso molto noioso) ma proprio per vedere le evoluzioni (o involuzioni) della società...
    Comunque, riguardo i Globes, ti assicuro che i risultati non sono stati così "politicamente corretti" come dici: "Tre Manifesti a Ebbing" è un film "scorrettissimo" e impregnato di humour nero (oltre ad essere il film più bello della stagione) e nemmeno la favoletta di Del Toro è così edificante come si crede: parla di emarginazione, solitudine, razzismo, rifiuto della diversità. Sono argomenti importanti che i Globes hanno (per me giustamente) premiato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti con il mio intervento volevo dire che é giusto che il cinema sia influenzato dal mondo, che ne prenda spunto per le storie e tutto il resto, ma purtroppo si va sempre oltre a questo, sfociando in un clima molto spesso anche ridicolo.
      Per quanto riguarda i due premi che hai nominato infatti avevo scritto che probabilmente quelli sono stati gli unici due riconoscimenti giusti e che ponderati della serata, sempre basandomi su ció che ho letto in giro, perché ancora non li ho visti. Per i tre manifesti spero di recuperare questa settimana.

      Elimina
  2. Io infatti non faccio di questi post (solo per gli Oscar e solo considerazioni post premi), non solo perché sono solo un appassionato e non un critico o cultore di livello, ma anche perché, a parte qualche serie, mi capita di veder nessun film dei premiati, quindi che se senso avrebbe senza un'opinione? tu però fai bene ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono semplicemente un’appassionata, ma ormai da anni faccio questi post per pubblicare i premi e dare le mie prime impressioni in merito. Non trovo nulla di sbagliato in entrambi gli approcci.

      Elimina
  3. Come ha detto Kris Kelvin, i premi per Tre manifesti e The Shape of Water sono meritatissimi. Lady Bird invece, anche se mi è piaciuto, non ha meritato le due vittorie. Innanzitutto, l'interpretazione di Margot Robbie è nettamente superiore a quella di Saoirse Ronan. Poi, non è perfetto. La relazione madre-figlia è stupenda, però ci sono trame molto superficiali e che non aggiungono niente, e in quanto commedia, non è molto divertente. A tratti commovente si, ma divertente no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sentito grandi cose della prova della Robbie e sono molto curiosa, ma quest’anno saró un po’ piú pignola, vorrei scovarli tutti in sala ma in lingua originale, cosa che entro il 4 marzo non riusciró mai a fare. Punto comunque a vederne la maggior parte in sala, quest’anno ne vale davvero la pena.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

25 indiscrete domande cinematografiche

Lady Bird e la voglia di crescere

Un'anteprima da cani - Le 50 sfumature di Anderson