1981: Indagine a New York


Abel Morales è il proprietario di un'azienda che vende olio combustibile in una New York all'apice del suo tasso di criminalità. Infatti, Abel è costretto ad affrontare una situazione scomoda che lo vede vittima della rapina di due delle sue cisterne che trasportavano carburante proprio durante una sua transazione per ampliare l'attività. Viene messo quindi a dura prova e sono moltissime le situazioni in cui passare dal perfetto ed imprenditore al criminale.

A Most Violent Year, questo è il titolo originale del film che risale già al 2014 ed il cui titolo, tramortito poi dalla "traduzione" italiana, stava a significare qualcosa di ben preciso. "L'anno più violento", sarebbe stato, il che si riferisce al tasso di criminalità di cui parlavo prima e che viene anche accennato nel film, il 1981 fu infatti memorabile per i molti atti criminali commessi, ed il nostro protagonista rimane coinvolto. Abel, interpretato dal richiestissimo Oscar Isaac, è una figura del tutto rispettabile, sempre attenta nel non commettere errori che potrebbero costargli l'impegno impiegato nell'attività, ma questi furti che subisce lo portano ad un passo dalla crisi d'identità, ad un passo dal commettere un errore e passare "al lato oscuro", e nel dubitare della correttezza delle sue azioni.


Non so bene se l'errore sia stato commesso nella scelta della trama o nella scelta della rappresentazione da parte del regista, fatto sta che dopo una prima visione la sensazione che ho provato è stata quella di essere (non c'è un modo carino per dirlo) profondamente annoiata. Definire ciò che poi alla fine è un mezzo dramma un thriller, è abbastanza una scelta azzardata. Sarà anche che io certi thriller proprio non li capisco nell'anima, basta vedere il caso di Sicario, del quale non ero riuscita a catturare l'essenza siccome era piaciuto alla maggior parte delle persone, mentre invece sono stata rapita dal fascino silenzioso di un thriller simile, Foxcatcher. Perciò non capisco dove stia il limite che non riesco ad oltrepassare per capire fino in fondo anche questi altri due.
Naturalmente l'obiettivo di 1981 è principalmente quello di voler coinvolgere il pubblico ad immedesimarsi in Abel, operazione che con me non è affatto riuscita per mancanza assoluta di pathos; si è spettatori dei (pochi) fatti che accadono con la stessa passione di un mucca che, noncurante, fissa un treno passare (espressione molto comune dalle mie parti).
Come se non bastasse, credo che il personaggio di Isaac non sia stato delineato abbastanza e manca di intrigo, per non parlare di quello di Jessica Chastain, che ho trovato addirittura insulso, pur avendo una sua funzione nella storia.
La trama, volendo tirare le somme, manca di un vero e proprio momento culminante, oltre che di coraggio. Sembra piuttosto l'opera di un regista stanco, senza ispirazione, e questa sensazione di vuoto l'ha trasmetta anche al film. Le interpretazioni sono da manuale, niente di più, niente di meno.

Commenti

  1. Mi ispirava, ma il tuo giudizio abbassa di molto le aspettative...
    Chissene! C'è la Chastain, devo vederlo a prescindere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si esatto, non basarti su questo mio giudizio perchè mi sa che non faccio testo, lo hanno apprezzato in molti.

      Elimina
  2. mi è piaciuto un sacco, il comparto visivo e registico è da 10, e l'ho visto due tre volte, ogni visone ne aumentava la mia ammirazione :-), però effettivamente se non si è presi il ritmo potrebbe risultare troppo stanco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io che normalmente apprezzo anche la parte visiva dei film, e mi piace un sacco osservarli, questa volta proprio non mi ha colpita e mi dispiace. Per questo motivo di sicuro lo riguarderò per provare a rivalitarlo e notare qualcosa in più.

      Elimina
  3. Sicuramente un film che procede in maniera troppo lenta per essere apprezzato appieno. É un bel film nel complesso, ma le valutazioni si abbassano proprio a causa del ritmo del film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, probabilmente mi sono anche soffermata troppo poco su questo punto, in realtà è quello che mi ha dato più fastidio in assoluto.
      Non lo si può davvero definite thriller!

      Elimina
  4. Sicuramente un film che procede in maniera troppo lenta per essere apprezzato appieno. É un bel film nel complesso, ma le valutazioni si abbassano proprio a causa del ritmo del film...

    RispondiElimina

Posta un commento