St. Vincent


E' sempre molto divertente vedere film che hanno come protagonisti vecchi burberi incazzati con chiunque gli rivolga la parola e col mondo intero, semplicemente perchè sono sicura che da vecchia sarò io quella vicina di casa vedova/zitella, con mille gatti per casa, che ti sbatte la porta in faccia e che si guarda i suoi film preferiti di notte col volume al massimo, e non perchè non ci sentirò (naturalmente anche per quello), ma perchè mi divertirà infastidire i vicini.
Odio questo tipo di persone, mi capita di continuo, per esempio, che sui mezzi pubblici io lasci volontariamente il mio posto a sedere ad un anziano che (si vede lontano un miglio) non sta in piedi e ha bisogno di sedersi e puntualmente, nei pochi casi in cui mi rispondono, lo fanno malissimo, con la faccia schifata, come se avessi ferito il loro orgoglio.
Per questo li detesto, ma nonostante questo e tutti i buoni propositi per la vecchiaia, sono conscia del fatto che sarò come loro, dato che già a vent'anni faccio fatica a sopportare la gente.


Fortunatamente, dalla parte di noi persone sociopatiche, c'è il fatto di doverla conoscere una persona prima di infierire contro di essa, perchè, non sempre, ma nella maggior parte dei casi a monte di un problema di convivenza col prossimo c'è qualche trauma, o qualche grave perdita mai completamente superata. Tranquilli, non è il mio caso per il momento, io faccio solo fatica ad andare d'accordo con la gente senza un valido motivo se non per il mio caratteraccio, ma nel cinema ci sono vari personaggi che rispondono esattamente a questa descrizione, come Walt Kowalski (il Clint Eastwood di Gran Torino), Olive Kitteridge (dell'omonima serie), l'occhialuto nonnino di Up o ancora la signora Connelly di Duplex - Un appartamento per tre ...ah no, quella era stronza e basta.
Comunque sia, il Bill Murray di questo regista alle prime armi è proprio quel tipo di anziano che non piace ai vicini di casa; beve, fuma, scommette, si accompagna con una "donna della notte", ha parole buone per chiunque, insomma sembra non farne una dritta, eppure si ritrova a fare da babysitter ad Oliver, il figlio della vicina di casa, con il quale finisce per trascorrerci molto tempo.


Inutile dire che tra i due si instaura un rapporto speciale, Vincent sembra andare a colmare quella mancanza di una vera figura paterna per Oliver impartendogli insegnamenti vari, per quanto non proprio adatti ad un undicenne.
Il binomio anziano + bambino è una delle ricette segrete per un film che, volendo o no, coinvolge ed emoziona, e nonostante le trame abbastanza ripetitive e scontate, riescono sempre a far riflettere un pubblico di qualsiasi età ed è sempre presente il messaggio di convivenza e comprensione anche tra persone di diverse origini.
St. Vincent ci propone un Bill Murray perfetto per questo ruolo e che io non smetterò mai di adorare. Lui, come si è visto anche in altre situazioni e nella serie tv sopra citata, riesce sempre benissimo quando si tratta di burberi anziani, e lo amo anche per questo.
Anche questa volta, come tutte le altre sopra elencate, la tematica ha fatto breccia nel mio cuore. Ogni tanto basta anche solo questo ad un film, senza andare a cercare manierismi, qualche volta la semplicità va e viene premiata.
Non mi resta che sperare in un futuro pieno di persone comprensive per la vecchia gattara che sarò, un po' come quelle che ha trovato Vincent.

Commenti

  1. Finalmente l'hai visto, veramente un bel film, a me è piaciuto tanto, visto solo poco tempo fa, dovresti aver letto o visto la mia recensione, Bill Murray qui è bravissimo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che me la sono persa la recensione!!
      Comunque sia era da un po' che volevo vederlo e non ho mai avuto l'occasione. Forse mi aspettavo qualcosa di diverso ma comunque sia non mi ha delusa.
      Bill a me piace in ogni salsa.

      Elimina
  2. Tenero e molto, molto carino. Murray grandioso. :)

    RispondiElimina
  3. mi è piaciuto tantissimo, come te sono sempre sensibile ai vecchi burberi, quando c'è una bella storia dietro poi... fantastico!

    RispondiElimina
  4. Molto carino e poi è sempre un piacere vedere Bill Murray gigioneggiare come solo lui sa :) E alla fine ho speso anche una lacrimuccia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo lui, davvero. E comunque siamo in due per la lacrima xD

      Elimina

Posta un commento