Guardiani della Galassia Vol. 2


Ed ecco, anche su questi schermi, il secondo capitolo tanto atteso del titolo forse più sinceramente e semplicemente spassoso della fabbrica dei supereroi. Questa volta la sgangherata squadra galattica scoprirà la vera origine di StarLord e ancora una volta, tutti insieme, combatteranno per salvare la galassia.

Diventa per me sempre più complicato provare a dare un parere obiettivo a questo tipo di film, principalmente perché credo che Marvel si sia da tempo ormai costruito un genere a parte, un universo parallelo, i cui film andrebbero giudicati soltanto tra di loro, lasciando da parte qualsiasi tipo di confronto. 
Il primo capitolo ricordo che mi era piaciuto ma, forse per l'effetto novità, non mi ero sbilanciata più di tanto. Era il primo vero esperimento Marvel che usciva un po' dal quotidiano, mentre adesso a distanza di anni, anche dopo aver visto Deadpool recentemente, posso dire che questo è di sicuro il titolo più fresco che Marvel abbia mai prodotto, una vera ventata d'aria fresca.


Se non altro si può fare un paragone con il precedente capitolo. Entrambi hanno molti meriti; il primo, decisamente più accattivante grazie ad una colonna sonora con molta più presa sul pubblico, aveva però di contro il problema di dover introdurre un sacco di personaggi nuovi, fatto che, tenendo in conto il pubblico abitudinario Marvel, è riuscito benissimo. Ma questo secondo capitolo dalla sua parte aveva proprio il fatto di avere personaggi già ampiamente consolidati, già facenti parte dell'immaginario collettivo dei fans, e che, anzi, è riuscito a fare leva soprattutto su alcuni di questi personaggi in modo da approfondirne le caratterizzazioni.
Su questo punto ho notato con molto piacere che, diversamente da qualsiasi altro titolo avente sequels che possa venirmi in mente, questo secondo capitolo si è focalizzato particolarmente sui personaggi secondari. Tenendo da parte StarLord, che forse è il personaggio che mi sta meno a cuore, hanno dedicato moltissimo tempo a Yondu, a Drax e, grazie al cielo, a Rocket, un po' meno a Gamora che in questo capitolo è forse il personaggio più indifferente.
Non che sia una novità ma ciò che salta all'occhio, a parte una generosa dose di risate sincere e piacevoli, è il cuore, perché questo capitolo ha emozionato anche me, addirittura commuovendomi, quindi credo che l'obiettivo sia stato raggiunto, sono arrivati al cuore del pubblico, cosa che non stupisce se si guarda a quanta passione c'è dietro, e sicuramente si avverte più che in altri titoli più conosciuti.


La sorpresa un po' meno gradita per me è stata la presenza di Kurt Russell, che digerisco poco e male anche in altre situazioni e qui mi è sembrato un po' fuori luogo. 
Fantastici, come sempre, gli effetti speciali, ma appunto questa non è una novità, visto che per me la Marvel ha il primato assoluto sulla concorrenza.
Tirando le somme, con il cuore più leggero posso finalmente dire che questo capitolo mi ha divertita molto più del primo, per la sua completezza e la sua natura più adulta del precedente. Le risate non mancano, e non ci sono molte scuse per non andarlo a vedere.



Commenti

  1. anche io me lo sono goduto di più, ma il primo lo vidi in circostanze più sfavorevoli... tipo tutte le cose che odio quando vado al cinema erano successe... XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io questa volta avevo quella paura, perchè sono una che odia praticamente tutto al cinema. Ma mi hanno graziata facendomela pagare piuttosto spesso nell'ultimo periodo. Scene che non ti dico.

      Elimina
  2. Per me questo secondo capitolo è stato una vera figata. Divertentissimo, valido a livello registico (il piano sequenza iniziale col balletto di Baby Groot e gli altri che combattono è spettacolare) e con un finale che ti lascia - visivamente ed emotivamente - a bocca aperta! Chapeau

    RispondiElimina
  3. Esageratamente bello!
    Mi aspettavo un passo in più per arrivare alla perfezione, ma va bene così!

    RispondiElimina

Posta un commento