True Detective - Prima Stagione


Ciao a tutti!! 
Dopo un grande film voglio lasciare un piccolo spazio alla prima serie tv che recensisco.
Non so quanti di voi conoscano questo titolo ma non è mai tardi per scoprire qualcosa di nuovo.
Questa serie è una grandissima novità scritta da Nic Pizzolatto e trasmessa da poco sul canale Sky Atlantic in Italia. 

Non tutti sanno che questa serie (che dovrebbe essere composta ogni anno da 8 episodi) si rinnoverà di anno in anno e ogni volta ci proporrà un nuovo cast, un nuovo regista ed una nuova trama, in bene o in male. Perciò non vi affezionate troppo XD


Sono moltissimi, secondo il mio parere, i punti di forza di questa serie tv (almeno per quanto riguarda la prima serie) che per me è stata una vera e propria rivelazione che iniziò quasi per caso. 
Tanto per iniziare gli attori; torna di nuovo Matthew McConaughey che in questo periodo sembra essere ovunque e del quale vorrei far notare, mentre sono in tema, la grandiosa interpretazione in Dallas Buyers Club con il quale ha conquistato l'Oscar come miglior attore protagonista tanto chiacchierato e che a parer mio si è meritato in pieno! Per non parlare dell'interpretazione di Jared Leto vincitore dell'Oscar come miglior attore non protagonista la quale mi ha letteralmente fatto amare i due personaggi.
Ma tornando a noi, Matthew in questo caso rivestirà i panni di Rust Cohle, detective che insieme al suo amato/odiato collega Marty Hart alias Woody Harrelson (che molti di voi conosceranno per il ruolo interpretato nel franchise The Hunger Games nel ruolo del mentore alcolista Haymitch) si immergono in un complesso caso che li costringerà a dedicarcisi ad un sanguinoso caso anche a costo di perdere tutto.
Parlando di cast, forse non tutti la conoscono in quanto ha interpretato solo alcune parti marginali in film come Mission Impossible III e Mission Impossible - Protocollo Fantasma o per fare un esempio a me caro Source Code, sto parlando di Michelle Monaghan che in questa serie si è calata nella parte di una moglie sovrastata dalle problematiche (e non solo) del marito.



Il secondo punto forte e caratteristico della serie in discussione è il copione; scritto dallo stesso Pizzolatto infatti, è stato il filo rosso di tutti e 8 gli episodi. Il connubio tra il profilo complesso dei protagonisti e le battute è qualcosa di indescrivibile. Matthew McConaughey è riuscito a dipingere un perfetto personaggio che balla sull’orlo tra la pazzia e la comprensione di tutto ciò che è trascendentale e filosofico del mondo. Pizzolatto gli ha scritto per questo ruolo alcuni monologhi che ti attaccano gli occhi al televisore, all’inizio possono anche sembrare delle “baggianate” ma riascoltandoli sono tutt’altro che stupidi. 
Parlando di personaggi tengo a puntualizzare la sua penultima caratteristica. La chiamano serie tv ma secondo il mio parere è più da intendere come un film diviso in parti (ognuna da 60 min circa, quindi quasi dei veri e propri film) in quanto nelle serie tv ormai alle quali siamo abituati alla fine di ogni episodio sono soliti lasciare lo spettatore in suspance con un colpo di scena, in questo caso invece, se guardando i primi due episodi non vi entusiasma dovete stare tranquilli perché è del tutto normale. Provate a guardarlo come se non fosse una semplice serie tv perché nei primi due episodi, soprattutto, tende moltissimo ad inquadrare non tanto il caso da analizzare e al quale si dovranno sottoporre i nostri detective quanto invece i profili psicologici ben dettagliati dei due personaggi principali di cui vi ho parlato precedentemente. Solamente dal terzo in avanti la storia inizierà a farsi entusiasmante ma posso garantirvi che con un po’ di pazienza la capirete in pieno.


Guardando questa serie, per concludere, c’è un ultimo ma non meno importante carattere fondamentale e di sfondo (nel vero senso della parola) della serie, ed è la Louisiana. Piccolo stato degli Stati Uniti, la Louisiana confina con Texas, Arkansas e Mississippi, molto famosa per la capitale New Orleans, e ospitante uno dei paesaggi più spettacolari rappresentati in una serie tv. Questo non si può spiegare con tante parole, ve ne do un assaggio nelle foto che vi propongo nel post ma per capirlo interamente siete costretti a guardarvi questi magnifici 8 episodi di adrenalina e riflessione.

Di seguito la sigla d'apertura che adoro, sia per le immagini che per la colonna sonora!



                                                                        Valutazione:


Commenti

  1. Ecco, per me sei stata fin troppo bassa di voto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. XD pensato a lungo ma credo di conservare i 5 punti per qualcosa di davvero speciale. Sto pensando di iniziare ad utilizzare anche i mezzi R2-D2, perchè sarebbe giusto dargli 4 e mezzo!

      Elimina
    2. I mezzi voti mi hanno sempre salvato in più di un'occasione ma, personalmente, fra il 4 e il 5 non li metto, mi creano solo molto confusione. Ma sono solo pareri.

      Elimina
    3. Infatti credo che, anche per me, rimarrà un 4. Comunque sia, è fantastica!

      Elimina

Posta un commento