Top 10 Serie del 2017 che ci saluta


Il 2017 è stato un altro grande anno per la televisione, oserei dire più per la televisione che per il cinema. Tantissimi i titoli interessanti, poche quelle che sono riuscita a seguire. Per una questione di tempo ho deciso di iniziarne poche di nuove, rimanendo invece più affezzionata a quelle serie che seguivo già in precedenza.
Anche quest’anno c’è da contare che moltissime delle serie più famose non sono riuscita a recuperarle o ad iniziarle; è infatti stato l’anno del grande ritorno di Twin Peaks, di un’altra chiacchierata stagione di GOT, dell’uscita di serie rivelazione e promettenti, come Dark e Mindhunter. Tutte serie che non troverete nella lista perché la vita è fatta di scelte. Inoltre tenete sempre in conto che parlo di serie uscite in Italia nel 2017, in modo tale semplicemente da dare un ordine alla scelta della selezione.
Trovate tutti i link alle singole recensioni nella tendina sotto la voce “series”.


10) A pari merito all’ultimo posto ci sono The Night Of e Black Mirror 3. Ma mi spiego, non perché siano le peggiori, ma perché purtroppo fanno parte del 2016 anche in Italia, io ci ho provato a far finta di niente e infilarle nella classifica e questo mi sembra l’unico modo per farlo. Le metto all’ultimo posto solamente perché non potevano nemmeno starci in questa classifica, ma se fossero state del 2017 sarebbero state tranquillamente tra i primi posti.
The Night Of è stata una straordinaria sorpresa, un thriller (se così si può definire) raffinato e con un cast perfetto oltre che eccellente. Un applauso particolare a John Turturro e Riz Ahmed, per una delle metamorfosi psicologiche più belle e coinvolgenti dell’anno.
Per quanto riguarda la terza stagione di Black Mirror ne devo veramente parlare? Insomma, vero che la produzione dall’Inghilterra è passata inesorabilmente all’America (ahimè) ma pare che la serie non ne abbia patito più di tanto, mantenendo un livello da pelle d’oca e delle tematiche sempre più pungenti. L’ultimo episodio è impressionante.


9) Sherlock 4
Già, perché non tutte le serie possono vantare di invecchiare bene quanto GOT (così mi dicono). Per quanto continui ad essere sul pezzo, ha perso il fascino ed il la presa sul pubblico che possedeva una volta, insomma lo Sherlock delle prime stagioni era un’altra cosa. Tutto sommato rimane molto piacevole da guardare con alcuni momenti di alta suspense, ma spero che in futuro, se proprio decidessero di continuare con una quinta stagione, provino a rialzare l’asticella e a tenere i piedi per terra, senza darsi a tanti voli pindarici inutili. Sicuramente l’irregolarità con cui viene prodotta non aiuta.


8) Feud
Non ci avrei scommesso un euro, e invece la nuova serie antologica prodotta da Murphy con un cast d’eccezione, un binomio unico in televisione, quello composto da Jessica Lange e Susan Sarandon, sulla guerra fredda (ma nemmeno poi tanto) delle due attrici Joan Crowford e Bette Davis, è notevole. Murphy ha di sicuro dedicato molto più tempo a curare questa nuova serie, che si prepara ad una seconda stagione, piuttosto che star dietro a Cult, abbastanza mediocre.
Il punto di forza di questo gioiellino sono senza dubbio le interpretazioni esplosive delle due grandi attrici e l’impressionante studio delle immagini di repertorio della reale vicenda che sono state rappresentate scrupolosamente e con rispetto.


7) Atlanta
Serie commedia dell’anno per me va ad Atlanta che rappresenta l’irresistibile humor del nonsense. L’ho adorata dal primo episodio all’ultimo, e si trova in settima posizione solamente perché dalla settima a salire sono molto più meritevoli. Fenomeno dell’anno è infatti la rivelazione Donald Glover: produttore, regista, attore, rapper, cantante, insomma fa proprio tutto e fa tutto bene, andatevi ad ascoltare la sua musica, non ve ne pentirete.
La serie la consiglio a chiunque ami il nonsense o per scoprire un tipo di commedia nuova che poco ha a che fare con il convenzionale, io, perlomeno, mi sono divertita tantissimo.


6) Mr Robot 2
Sono riuscita anche a recuperare, anche se con un po’ di ritardo, la seconda stagione del nostro hacker preferito. Malik è uno degli attori su cui al momento punto di più, con il biopic su Freddie Mercury spiccherà il volo e finalmente potrà mostrare a tutti la sua incredibile bravura.
Questa seconda stagione forse non brilla quanto la prima ma non è affatto male. Continua il viaggio introspettivo nella testolina di Elliot e tutto il mondo incasinato che gli sta attorno. Avete già scoperto cosa ha combinato in questa seconda stagione?


5) Bojack Horseman 4
La stagione che picchia forte, ma forte davvero. Se prima era un dondolare tra battute sarcastiche e le verità che fanno male, adesso si tratta solo della parte più difficile, quella personale. La quarta stagione non lascia un attimo di respiro e scava nel passato di Bojack, triturandoti il cuore in piccoli pezzettini. Probabilmente fin troppo pesante, anche se bellissima, forse ho preferito un pelo di più la terza perché mescolava con equilibrio comicità e dramma.


4) Big Little Lies
Grande produzione HBO che non doveva avere un seguito ma che, molto probabilmente, ce l’avrà, che ci stia bene o meno. A me sta un po’ meno bene, perché il libro da cui è tratto era nato per essere senza seguito, invece i soldi hanno fatto gola anche alla mente di una selle storie meglio scritte dell’anno. Come se non bastasse abbiamo un cast di prima scelta, alcune delle donne di Hollywood più in voga del momento, Nicole Kidman, Reese Witherspoon, Laura Dern e Shailene Woodley. Interpretazioni che sono state giustamente premiate, soprattutto quella di Nicole Kidman.


3) The Crown
La miglior Regina Elisabetta mai apparsa in televisione o sul grande schermo. Questa serie ha un potere visivo abnorme, merito di una produzione come Netflix che non ha veramente badato a spese. La prima stagione ha di sicuro bisogno dei suoi tempi, non è una di quelle che alla fine dell’episodio ti lascia con il pallino irrefrenabile e la curiosità di continuare, perché infatti è più simile ad un film. La sua forza risiede nella potenza delle parole non dette, della forza evocativa di alcune immagini e dell’emozione di alcuni punti salienti. I personaggi, scritti con particolare minuzia, sono perfetti.
Devo solo trovare il tempo di guardare la seconda stagione appena uscita, poi vi dirò.


2) The Handmaid’s Tale
La vera scommessa vinta di quest’anno è questa, senza dubbio. Penso che, in quanto donna, mi abbia colpita particolarmente. Ricordo che un giorno la iniziai distrattamente, con la mia solita convinzione, e quel giorno vidi 5 episodi uno dopo l’altro. Mi tremavano le mani.
La forza che possiede è a dir poco indescrivibile, difatti va guardata per capire di cosa sto parlando. Se non l’avete ancora fatto, recuperate, ma non vi aspettate una passeggiata.


1) Stranger Things 2
Il mio cuore ha prevalso, ancora una volta. Questa è l’unica serie che in entrambe le stagioni sia riuscita a farmi ridere, piangere, emozionarmi, terrorizzarmi. Non solo ci sono affezionata, penso proprio di voler adottare i ragazzi e averli come fratelli per il resto della mia vita.
Questa seconda stagione ha i suoi difetti, uno su tutti quello di essere fin troppo simile alla prima, ma questo non toglie il fatto che per me rimane la serie/stagione più bella dell’anno, quella che ho visto due volte e che rivedrei ancora, senza pause. Si conquista la vetta insieme al mio cuore, e questo è tutto.

Commenti

  1. io devo recuperare tanto....
    trooooooooppo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora buona visione ^^ per un po’ ne hai di sicuro.

      Elimina
  2. Stranger Things carina, ma secondo me troppo in alto, mentre anche se riferita al duemilasedici, The night of fu una bomba anche per me.
    Non ho visto Atlanta, Feud e The Crown, e avevo abbandonato a metà della prima stagione Mr. Robot: quindi per me una decina "a metà". :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Night Of davvero carina, concordo assolutamente.

      Elimina
  3. Io invece The Night Of e Black Mirror 3 li ho già messi in classifica, non importa l'anno, l'importante è l'anno in cui vedo una serie, a tal proposito l'anno prossimo vedrò alcune di queste che non ho visto e quasi certamente (dipende se mi piaceranno) saranno in classifica. Comunque condivido il primo posto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello é soggettivo, io preferisco farla dell’anno, se no non avrebbe senso farne una all’anno, ma sono punti di vista.
      Grande per ST ^^

      Elimina
  4. Ci credi che ancora non sono riuscito a vedere The Handmaid's Tale che dovrò rimandare all'anno prossimo?

    Stranger Things prima, soprattutto in confronto alla prima stagione, mi sembra un po' esagerato, per quanto sia stata godibilissima. Bene anche The Crown, che ha alzato l'asticella e ancora non so bene dove potrei metterla - la top 3 è irrimediabilmente occupata, per quanto mi riguarda -.

    Bene anche per Bojack Horseman e per Feud, che io ho adorato. The Night of e Black Mirror li avevo messi l'anno scorso ma sono sicuramente grandiosi, forse anche meglio di alcune che hai messo sopra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contando che l’anno prossimo é dopodomani allora ti auguro di guardarla presto xD
      Ogni anno comunque mi impongo di fare una classifica basata su critiche oggettive ma con le serie mi riesce ancora meno che con i film, purtroppo.

      Elimina
  5. Bojack, Bojack :) Dopo le feste mi fiondo sulla stagione 3 e su quella 4

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo! Ne vale veramente la pena!

      Elimina
  6. Grande Atlanta!
    Di The Crown ti consiglio di recuperare presto anche la seconda stagione, piaciuta pure a un non-amante del genere come me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho intenzione di farlo il prima possibile, non so ancora se prima o dopo Black Mirror.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

25 indiscrete domande cinematografiche

Lady Bird e la voglia di crescere

Boomstick Award 2017 alla Collezionista