Westworld - Prima Stagione


In un mondo futuristico esiste un posto in cui persone facoltose possono divertirsi e dare sfogo alle loro più profonde ed oscure passioni, paure ed aspirazioni, un vero e proprio parco divertimenti popolato da robot costruiti allo scopo di recitare ripetitivamente il copione a loro assegnato dai padroni ed ideatori del parco. Qualcuno, però, potrebbe essersi spinto troppo oltre il limite, tentando la strada mai precedentemente percorsa di provare a dare una coscienza ai robot, che molto presto inizieranno a sospettare della loro natura.

Caro Westworld, adesso io e te dobbiamo parlare.
Ti presenti qui con le migliori premesse, con firme che (non si sa bene per quale preciso motivo) fanno ben sperare tutti quanti, me compresa, con un trailer e delle prime immagini da urlo, una trama apparentemente rivoluzionaria che porta a mille l'hype di mezzo mondo, in un momento in cui le serie tv vanno alla grande, quasi più del cinema, e tu sembri essere la scelta migliore fra tutte, e poi cosa mi combini? Dopo un'introduzione degna di nota diventi una delle serie più piatte che abbia mai visto.


Non traete conclusioni affrettate, e se ci tenete alla serie leggete fino in fondo il mio commento.
Non sto affatto dicendo che Westworld non si meriti l'acclamazione che ha ricevuto, anche se forse un po' eccessiva lo è stata, quel che intendo dire è che mi ha delusa moltissimo. Cercando di non fare alcuno spoiler, dirò solamente che ho trovato la parte centrale (precisamente dall'episodio 2-3 al 7 compreso) di una noia mortale. Il problema di base è che è stata bilanciata malissimo; la parte introduttiva non potrebbe essere più bella, ma nella parte centrale si cerca di mantenere un livello costante di informazioni che vanno naturalmente a comporre la fitta trama per poi esplodere alla fine, ma questo obiettivo non viene raggiunto. 
Senza dubbio gli ultimi due episodi sono i migliori, ma probabilmente lo sono solo perché vanno automaticamente ad ovviare a tutto ciò che manca negli episodi precedenti. Sembrano quasi appartenere ad una serie diversa, perfino l'azione e la violenza fisica esplicita negli ultimi due episodi diventa molto più marcata che negli altri, il che potrebbe anche avere un significato più profondo, se vogliamo, ma non sta in piedi.


Tutta questa atmosfera di cui in molti parlano che è stata creata nell'intervallo di tempo che ho detestato, io l'ho sentita a malapena, ed il fatto che venissero anticipati molti enigmi che nemmeno alla fine vengono spiegati con chiarezza, non ha aiutato. Teniamo in conto che il tutto è tratto da un film del 1976, periodo in cui probabilmente una trama simile è stata davvero rivoluzionaria, ma oggi, nel 2016, con tutte le cose che abbiamo visto sui robot, vogliamo davvero credere alla favola che questa sia una delle serie più innovative degli ultimi anni? Davvero? Robot che assumono coscienza e si ribellano? Mi viene da ridere. Inizialmente, quando uscirono le prime immagini, speravo sul serio che non si trattasse di nuovo di questo, ma la cosa era talmente ovvia non poteva essere diversamente.
D'altronde J.J. ormai è abituato a produrre/dirigere prodotti dall'apparenza carismatica ma dal debole contenuto.


Trama a parte, che racchiude qualche spunto interessante ma, ripeto, non del tutto chiarito, e che spero di capire meglio nella prossima stagione, Westworld è da ammirare, come sempre, per il colpo d'occhio, per i colori, gli effetti speciali, la colonna sonora, le ambientazioni, tutte cose per cui dobbiamo ringraziare la HBO, la quale ha proprio il vantaggio di creare prodotti esteticamente di grande impatto visivo. 
Ho apprezzato anche la doppia trama parallela che vedeva in entrambi i casi protagoniste femminili dal forte carisma, una morale impegnativa sul finale, un po' meno le sottotrame che hanno a mio avviso appesantito il tutto. 
Per la prima volta mi trovo costretta a valutare soprattutto tenendo conto di aspetti tecnici, perché se dovessi giudicarla solamente rispetto al mio gusto personale mi ritroverei a sottolineare il concetto che, per quanto mi riguarda, le serie devono prima di tutto intrattenere e divertire, cosa che con me Westworld non ha fatto. Per la valutazione conclusiva tengo conto anche della qualità di questi benedetti due ultimi episodi, che hanno salvato la serie da una posizione ben più bassa in classifica.

Commenti

  1. Nonostante sia facilmente annoiabile, fortunatamente non l'ho trovata una visione pesante. Nella mia classifica ci sarà, ma non in posti propriamente esaltanti; però, tra alti e bassi, ha tanto, tanto da dire. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente non ci ho trovato nemmeno così tanto su cui riflettere, perlomeno tutte cose già viste. E ho anche preso in considerazione il fatto di essere io il problema, dato che praticamente ha fatto impazzire il mondo.

      Elimina
  2. Anche per me una serie sopravvalutata, con vari difetti e alcune parti piuttosto noiose.
    Una serie buona, se vogliamo per certi versi ottima, però per questa prima stagione è ben lontana dall'essere un capolavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È esattamente ciò che penso anche io. È molto bella complessivamente ma le manca quell'eccezionalità di cui sento tanto parlare.

      Elimina
  3. Lo zampino di GIEI GIEI si nota fin troppo, in alcuni momenti ricorda (sinistramente) "Lost", ho apprezzato la messa in scena e il lavoro di Johnny Nolan, molto coerente con le sue sceneggiature. In generale apprezzata, non il capolavoro esagerato di cui tutti parlano secondo me. Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai visto Lost e non conosco i lavori del fratello Nolan, perciò non saprei dire, ma penso sia una serie che in un modo o in un altro si finisce per apprezzare, è inevitabile, però per quanto mi riguarda appunto rimane un po' un giudizio sospeso a mezz'aria, non ho mai avuto quell'irrefrenabile foga di vedere l'episodio successivo, nemmeno una volta. Questo fa riflettere.

      Elimina
  4. Innovativa come tema sicuramente no ma come contesto un po' sì, anche se sono tanti gli esempi simili...comunque capisco il tuo punto di vista ma la qualità è così alta che riesce a limare i difetti come hai sottolineato tu, perciò serie eccezionale che sicuramente salirà sul podio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il contesto credo che sarebbe stato innovativo se non fosse del tutto stato copiato dal film già esistente, quindi non posso proprio definirlo tale. Indiscutibilmente ha un certo fascino, che ne esalta i pochissimi pregi e bene o male si fa piacere da tutti. Per i miei gusti personali, una serie con questo tipo di premesse non raggiunge alcuna vetta, tanto più essendo davanti ad una prima stagione che avrebbe dovuto spaccare i culi ai passeri.

      Elimina

Posta un commento