Unbroken


"Se resisti, puoi farcela"

A me, sinceramente, è dispiaciuto. Angelina, benché non fosse una figura indispensabile del cinema, mi piace, e venire a sapere che avrebbe smesso di recitare, non posso nascondere che mi sia dispiaciuto.
Bella (senza dubbio) e piacevole, non un'attrice eccelsa, diciamolo. Requisiti però più che graditi nel cinema di oggi. Per i giocatori come me, inoltre, è stata Lara Croft che, insieme a Crash, è stata una delle figure che hanno dato forma alla mia infanzia.
Riguardando la sua filmografia ci rendiamo conto che non ha nemmeno un numero infinito di lavori alle spalle, anzi. I titoli più conosciuti sono Il collezionista di ossa, i due film su Tomb Rider, Mr. & Mrs. Smith e Salt. Dopo quest'ultimo, infatti, sono passati 4 anni per uscire con Maleficent, che non ha esattamente strabiliato il pubblico ed il quale chiuse definitivamente la sua carriera come attrice.
Dopo di che, a decisione presa, ci siamo rassegnati aspettando pazientemente questo secondo titolo da regista, sperando.

Louis Zamperini è un campione di mezzofondo americano, di origini italiane, il cui sogno era quello di correre alle Olimpiadi. Nel 1940, però, in occasione della Seconda Guerra Mondiale, viene reclutato nell'Aviazione come bombardiere. In seguito ad una missione senza lieto fine, muoiono alcuni dei suoi compagni e lui, sopravvivendo, finisce prigioniero in mano giapponese e subito internato in un campo di prigionia.


Basato sul libro di Laura Hillenbrand, è l'ennesimo biopic dall'inizio del 2015, mannaggia.
Louis Zamperini ha vissuto alcuni anni della sua vita a dir poco terribili. Angelina, vistosamente aiutata dai fratelli Coen, ha voluto principalmente sottolineare ed elevare il coraggio e la forza di volontà di quest'uomo, che ha dovuto sopportare un sopruso e una violenza sovrumana.
Mi è sembrato quasi un omaggio allo stesso Louis, che ha saputo servire il suo paese fedelmente, che è proprio la parola adeguata.
Ma forse ha esagerato? In seguito all'uscita del film in America ed in Giappone, il Giappone stesso ha additato Angelina come "demone" per avere rappresentato con estrema durezza le guardie
giapponesi. Il paese è infatti in rivolta per la creazioni di immagini completamente distorte e considerate di pura invenzione, tanto da invitare caldamente Angelina a non far visita al Giappone.
Su questo punto non si può commentare. Non avendo visto con i miei occhi non mi permetto di sputare sentenze, anche se credo che Angelina si sia ispirata alla testimonianza di Louis stesso, che ha incontrato di persona prima della sua scomparsa nel 2014.
Di sicuro, però, posso fare qualche osservazione sulla pellicola; dopo la visione, la prima cosa alla quale ho penso è stata che in alcuni punti il film si sia rivelato tremendamente lento.
[INIZIO SPOILER: Credo che la sequenza in cui si trovano sul canotto sia eccessivamente lunga, non contando dello strafalcione dello squalo; non penso sia possibile issare su un canotto ed uccidere uno squalo a mani nude in quanto questo è talmente forte che non te ne darebbe il tempo, portandoti via se va bene un braccio. Dai...FINE SPOILER]


Queste erano le uniche due accortezze che mi sento di fare a riguardo. Per il resto, penso che l'obbiettivo di esaltare e far percepire il coraggio del protagonista sia completamente riuscito, ha reso l'idea e ha utilizzato (come si usa ultimamente fare) le immagini narrative di chiusura in modo furbo, apposta per far commuovere.
Il film, a meno che non lo veda una persona estremamente sensibile a certe immagini, non arriva a commuovere, mentre riesce benissimo nell'obbiettivo di detestare i giapponesi in questo caso e di nuovo ho pensato come sia possibile che un essere umano arrivi a provare tanta cattiveria.
L'attore protagonista, Jack O'Connell, è stato davvero intenso e completamente dedito alla sua parte, per la quale ha anche dovuto perdere parecchi chili durante le riprese, per ovvi motivi.
In conclusione, nella sua durata di 2 ore, il film risulta ben realizzato, coinvolgente, ma non il capolavoro che in molti dicono essere. Nulla di nuovo, insomma.

Curiosità curiosissima: Per quelli di cui che lo hanno già visto sapranno chi è "L'Uccello", per chi invece non l'ha visto sappia che è lo stronzo di turno, bene, ho scoperto che costui nella vita di tutti i giorni è un cantautore giapponese dall'aspetto eccentrico e completamente diverso dall'idea che se ne va durante la pellicola.
Ecco qua la sua trasformazione:



Valutazione:


Commenti

  1. Mi ispira molto dal trailer, un film che senz'altro mi lascerebbe con la pelle d'oca!
    La scena con il canotto mi ricorda vagamente La vita di Pi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me lo ha ricordato, anche se non è nemmeno lontanamente paragonabile. Vita di Pi non annoia nemmeno in quella sequenza, per quanto possa non piacere.

      Elimina
  2. A me la Jolie sta indifferente, requisiti fisici a parte. Però questo film proprio non mi ispira, e l'alluvione di biopic di quest'ultimo mese mi fa passare proprio del tutto la voglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, anche quello non aiuta, però una visione la merita.

      Elimina
  3. Anche questo film sta dividendo parecchio i blogger, staremo a vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potrebbe essere altrimenti xD Da quel punto di vista, è spassoso.

      Elimina

Posta un commento