Il film della domenica: Alaska


Fausto e Nadine si incontrano per caso e, per caso, iniziano la loro storia. Lei ventenne francese all'inizio di una carriera da modella e lui italiano cameriere in un hotel di lusso. 
Entrambi ossessionati da un successo personale, entrambi senza radici, senza legami, semplicemente si trovano e percepiscono all'istante una forte attrazione, passionale e pericolosa.

Primissimo caso in cui vado di mia spontanea volontà al cinema a vedere un film italo-francese, connubio di cui ho sempre avuto un po' di paura. 
Con entrambe le tipologie di cinema non ho mai avuto un buon rapporto, in più dopo la disavventura di Due giorni, una notte temevo davvero di buttare il mio tempo. 
L'unico vero motivo che mi ha spinta a vederlo è stato Elio Germano, una mia piccola sorpresa degli ultimi tempi, che mi aveva piacevolmente colpita ne Il giovane favoloso ed ero curiosa di vedere in un contesto diverso.


Il genere drammatico è facilmente collegabile a trame un po' scarne, è complicato riuscire a stupire soprattutto per la quantità di film proposti in passato. Che io ricordi, ad avermi davvero colpito fu Alabama Monroe che però era anche ampiamente aiutato da una colonna sonora indimenticabile.
Alaska altro non è che una storia d'amore, e di storie d'amore siamo un po' pieni come uova, però ha qualcosa in più; è la storia di un amore di quelle travagliate, dove all'amore viene alternato l'odio, la violenza di due persone fragili, simili e sole.
Il motore trainante qui è senza dubbio Germano, che ha confermato la mia sensazione nei suoi confronti di un attore prima di tutto molto versatile. Mi ha lasciato senza parole come interpretando Leopardi ha saputo interpretare un uomo debole, vinto nel corpo e nell'anima ed estraniato dall'universo e invece qui esattamente l'opposto senza ricordare nemmeno un capello di quell'altra interpretazione. Probabilmente mi stupisco perchè credo che in Italia ci siano più bravi doppiatori che bravi attori, ma lui mi ha fatto capire la direzione nella quale l'Italia deve andare in ambito cinematografico, perchè un potenziale c'è.
Fausto è una persona che non si arrende facilmente e che punta sempre più in alto, al limite del rischio. Per quanto possa sembrare fiero e sicuro di sè sa benissimo di non potercela fare da solo, non dopo aver conosciuto Nadine.
E' vero, la trama in fin dai conti non è nulla di nuovo, ma per essere un film drammatico è riuscito a trasmettermi molte emozioni che difficilmente ho trovato in altri film del suo genere. La forza di Elio è la spinta di cui aveva un disperato bisogno per fare la differenza.

Commenti

  1. Ho beccato il trailer qualche giorno fa in sala, e devo confessare che non mi ha fatto una gran bella impressione! :p
    Ma forse è solo perchè io e il cinema italiano, in generale, andiamo poco d'accordo! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È uno di quei casi in cui è meglio non vedere il trailer, non rispecchia il film secondo me.

      Elimina
  2. Non vedo l'ora di vederlo. Germano è grandioso.
    Guardalo in La nostra vita: palma d'oro meritatissima. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo farò assolutamente, grazie ^^
      Se ti piace Germano allora ti piacerà!!

      Elimina
  3. "... altro non è che una storia d'amore..."
    E dici poco.
    Credo siano quelle più difficili da raccontare. Fai bene una storia d'amore, hai fatto bene tutto. Il film comunque non lo conoscevo, quindi lo segno nella chilometrica lista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai assolutamente ragione. Quello che intendevo dire è che la trama, forse proprio perchè è una storia d'amore, non è delle più originali, ma nel complesso è stata raccomtata bene da due interpreti molto convincenti. Non mi è dispiaciuto affatto, poi mi dirai la tua.

      Elimina
  4. Il trailer mi aveva messo la cosiddetta pulce nell'orecchio, che è ancora lì a saltellare dato che non l'ho visto (io sono indietro, sempre indietro). Sono contento di sapere che sia buono, il cinema italiano ha maledettamente bisogno di prodotti così, proprio ora che sembra esserci una netta risalita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si concordo, ma c'è da dire che se avessi visto il trailer (cosa che in questi casi non faccio) non sarei andata a vederlo! Con questo voglio dire che se ti aveva fatto una buona impressione il film ti piacerà di sicuro!

      Elimina

Posta un commento