Step Up All In


Ci sono per tutti quanti quei film che si vedono fin da giovani e che ti sembrano fantastici perché abituati a quelle immagini e magari anche inesperti nel riconoscere porcate da non-porcate. Dopo alcuni anni riguardi quegli stessi film che probabilmente ti rimarranno comunque nel cuore ma che si rivelano davvero patetici. Io ho avuto questa sensazione con alcuni episodi della saga del maghetto e più tardi con quella di Step Up.

Sean, protagonista del quarto episodio, va insieme alla sua crew, i MOB, a Los Angeles a caccia di audizioni, ma, non trovando ciò che cercano, si dividono lasciando Sean da solo a Los Angeles dopo un litigio. Sean incontra il suo (e nostro) vecchio amico Muso e lo invita a cercare una crew loro e partecipare a The Vortex, un concorso a Las Vegas che avrebbe trovato lavoro a tutti loro per 3 anni.
Ma una volta iniziato il concorso Sean scopre che a gareggiare c'è anche la sua vecchia crew.


Questo mio post fungerà da commento per l'intera serie, perché capirete bene che per quante cose uno si possa inventare più di tanto non c'è da dire.
Il primo Step Up risale al 2006 e io, avevo 15 anni. Ma iniziai a praticare hip hop dall'età di 12 e poi ho smesso quasi a 16 per motivi tecnici. Ciò significa che per me il primo film ha dato una nuova chiave a ciò che avevo iniziato da poco e riusciva ad emozionarmi come fanno pochi film sulla musica. Per non parlare della cotta colossale che mi ha fatto prendere per Tatum. Quello per me era un esempio da raggiungere, guardavo Channing e automaticamente iniziavo a ballare anche io. 
Poi sono passati gli anni, dal primo si è srotolata un'insulsa serie di 5 film il cui unico scopo è stato quello di far soldi, dimenticandosi il sentimento iniziale e la voglia di trasmettere la passione al prossimo. A salvarsi sono i primi due, ma da li in avanti, il disagio.
Si, anche il terzo, che tutto sommato la figura di Muso ha cercato di salvare, e per quanto io me lo possa ricordare con affetto, rimane osceno. Dal terzo si sono fossilizzati sulla solita trama che si rigiravano per il film successivo; la solita riunione dei vecchi amici, la solita gara di ballo capitata per caso e la solita vincita con il solito amore scontato.
 Il segreto che spingeva gli spettatori a guardarli era quello di mantenere gli stessi attori a partire dal secondo film, bene o male tornano sempre loro, e questo diverte il pubblico (me compresa). 
La colonna sonora ha anche sempre fatto la differenza; sono sempre stati per la maggior parte brani nuovi, originali e attinenti. Dal quarto invece hanno scelto brani a casissimo che nessuno si è mai filato oppure cariatidi del 2000. Questo ha abbassato moltissimo la qualità della serie, bassa già di suo.
Un'altra perla. In questo benedetto quinto e ultimo (grazie al cielo) episodio, c'è Gué Pequeno che doppia. Anche questa schifezza solo per invogliare gli italiani ad andarlo a vedere. Tant'è vero che ci hanno deliziato della sua bella faccina persino sui manifesti. Il suo doppiaggio penso sia ancora peggio di quello di Asia Argento in XxX, e per il quale non ne è nemmeno valsa la pena, dato che ha incassato meno di tutti gli altri film precedenti. Ma la cosa che fa ancora più ridere è che nel trailer hanno rimpiazzato il suo doppiaggio con uno più credibile. Se ne vergognano troppo anche loro.

E per ultima cagata, ma non meno importante, hanno pensato bene di portare sul grande schermo una banda di tennisti. Solo (e ringrazio di nuovo il cielo) in questo ultimo episodio hanno pensato bene di aggiungere, durante le esibizioni, i versi che fanno i ballerini mentre danzano, e posso garantirvi sia che da ascoltare era penoso e anche che i ballerini quando si esibiscono non fanno tutti quei versi osceni, a meno che non siano loro fusi. Non so bene se lo abbiano fatto per rendere la cosa più credibile, fatto sta che hanno fatto proprio proprio male.
Siccome scommetto che le persone che non lo hanno visto non stanno nella pelle di sapere com'è andata a finire, concedo questo grande spoilerone e dico che anche qua non manca il classico, banale e melenso lieto fine.

Valutazione (legata all'intera serie):

Commenti

  1. Ma ammetto che il primo era anche caruccio, ma che senso hanno tutti quei sequel???

    RispondiElimina
  2. mi sono aggiunta anche io ai tuoi sostenitori, complimenti per il blog, questo film ancora non l'ho visto, però ho visto gli altri tre, non cambiava nulla a parte la coppia protagonista e la storiella d'amore...si è una questione di soldi hehehe ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Appena mi è possibile vengo anche io a sbirciare!
      Anche se saltassi quest'ultimo capitolo non ti perderesti nulla xD

      Elimina

Posta un commento